Da sinistra: Andrea Scaglia, Marino Piasentà, Furio Suvilla, Andrea Sala, Riccardo Ghia e Gianluca Zorzoli

Da sinistra: Andrea Scaglia, Marino Piasentà, Furio Suvilla, Andrea Sala, Riccardo Ghia e Gianluca Zorzoli

«Il sistema sfrutta la turbina idraulica Vis Fluens, che ha una resa superiore rispetto a quelle tradizionali – spiega Suvilla – e nasce da un brevetto depositato da Marino Piasentà». Il licenziatario è la società “Laboratorio di Innovazione srls” che ha sede a Novara. Si tratta di turbine dalla struttura agile e snella, in alluminio e acciaio, di dimensioni contenute e prive di lubrificazioni, che consentono il regolare passaggio della fauna ittica. Un impatto quindi minimo per una resa massima. Per la sperimentazione del prototipo finale sono state individuate alcune aree nel territorio, tra cui la zona di Via Mora Bassa, a Vigevano, in attesa di attivare le procedure di autorizzazione.

«Asm Energia, che fino a questo momento si è posta nel ruolo di venditore, diverrebbe quindi produttore di energia pulita. Siamo di fronte a un progetto che richiede impegno e investimenti. Una svolta epocale per l’azienda e un cambio di ottica non indifferente. Sfruttare un brevetto innovativo, inoltre, è un ulteriore valore aggiunto». Lo studio di fattibilità è stato redatto dall’ingegner Alberto Fani, mentre l’architetto Andrea Scaglia ha svolto un ruolo determinante in sede di presentazione del progetto e di mediazione.

Il sindaco di Vigevano Andrea Sala ha partecipato alla conferenza di oggi, martedì, e ha condiviso e promosso le finalità: «Oggi può nascere qualcosa che è la prosecuzione di quel che abbiamo già avviato negli anni scorsi – ha esordito il primo cittadino – l’energia che Asm produrrà potrà avere un suo collocamento nel campo del lavoro, nelle sperimentazioni, nel rispetto energetico e nell’amore per la materia ecologica. Questa è quel che vorremmo fare per la nostra “goccia nel mare” destinata agli equilibri della sostenibilità».

La visione del futuro dell’energia arriva da Piasentà: «La nostra proposta nasce dall’idea di energia rinnovabile e dalla ricerca di una risposta tecnica da offrire senza combustioni. Abbiamo pensato di utilizzare una turbina centrifuga che lavora a bassissima velocità dell’acqua, sfruttando i canali che abbiamo nelle nostre zone di pianura. Qui ce ne sono mille chilometri». L’idea di sfruttare le vie d’acqua per produrre energia in quel territorio dove Leonardo aveva espresso il suo genio è degna di plauso.

Presente anche l’assessore alle attività produttive del Comune di Vigevano Riccardo Ghia e l’amministratore unico di Asm Lomellina e Vigevano S.p.A.: «La nostra azienda performa in energia e gas – ha commentato Gianluca Zorzoli –  Diventare produttori ci farà fare un salto di qualità. Certo, ci vogliono investimenti, serve un piano industriale, ma il sindaco ha fatto una scelta forte, che ci porta a incentivare gli asset e puntare allo sviluppo dell’azienda».

Un nuovo, rilevante passo avanti per Asm Energia S.p.A.: «Lascio l’azienda in piena salute – sottolinea l’avvocato Suvilla – il bilancio recentemente approvato parla di utili che superano i due milioni di euro, con una crescita rispetto allo scorso anno. Asm Energia S.p.A. cresce, ma per sostenere questo processo deve anche creare un contesto sempre più favorevole». In fase di implementazione anche il nuovo software interno: sarà completamente operativo in autunno e contribuirà a incrementare la produttività della struttura territoriale.

La presidenza Suvilla, innegabilmente, è andata ben oltre gli obiettivi prefissati: «Che erano in un primissimo momento quelli di rinnovare i patti parasociali e di ricondurre la gestione aziendale in un alveo più vicino alla componente pubblica. Siamo riusciti a dimostrare che il pubblico può gestire l’azienda anche con risultati migliori rispetto al soggetto privato. Abbiamo altresì riorganizzato l’azienda sul versante gestionale, ultimando le assunzioni dei precari e portando a bilancio, come detto, utili di rilievo». Con un volume d’affari che ammonta a circa 46 milioni di euro.

Sullo sfondo, poi, l’importante definizione del nuovo fornitore di gas per il 2017-2018, Hb Trading S.p.A., scaturito al termine della procedura di acquisto diretto, effettuata mediante valutazione comparativa delle offerte: «Abbiamo potuto acquisire la materia prima a condizioni vantaggiose – aggiunge Suvilla – per creare un modello di sviluppo ancor più concorrenziale». Un discorso a parte lo merita la componente relativa all’energia elettrica: «In futuro vi sarà uno scenario diverso da quello attuale, con molte soluzioni legate a fonti alternative e un consumo maggiore da parte dell’utenza. Le aziende devono quindi entrare in un’ottica che presuppone la produzione di energia».

Asm Energia S.p.A. ha così anticipato i tempi, proprio attraverso un brevetto innovativo e con progetti che prevedono un maggior grado di marginalità.

Carlo Castoldi e Roberto Garlaschini, titolari dello studio tecnico associato C.R.C. di Gropello Cairoli, tra il presidente di Asm Energia S.p.A. Furio Suvilla e Fabio Bassi

Carlo Castoldi e Roberto Garlaschini, titolari dello studio tecnico associato C.R.C. di Gropello Cairoli, tra il presidente di Asm Energia S.p.A. Furio Suvilla e Fabio Bassi

Infine, ma non meno importante, il radicamento profondo sul territorio, con l’apertura negli ultimi mesi di due sportelli a Robbio e Garlasco (a settembre aprirà un nuovo ufficio anche a Gropello Cairoli presso lo Studio Tecnico Associato C.R.C. di Cristina Butta, Roberto Garlaschini e Carlo Castoldi, in Piazza Zanotti 11/12), che vanno ad affiancarsi agli Asm Point di Vigevano, Mortara, Cassolnovo, Cilavegna, Gambolò e Tromello, oltre a tutta una serie di convenzioni con realtà associative dislocate in Lomellina. Una vicinanza al cliente che fa parte della mission dell’azienda.

Vigevano, 18 Luglio 2017

Scarica la Rassegna Stampa